1/24/2012

Giornalismo Universitario



Avete presente i telefilm adolescenziali americani in cui alcuni studenti del liceo portano avanti un giornale scolastico?
Ora non so come funzioni realmente in america, ma in Uk gli studendi universitari i giornali li fanno davvero e molto seriamente.

Il giornale dell'Universita' di Bristol si chiama Epigram (Pagina di wikipedia) ed e' indipedente, che immagino significhi che e' economicamente indipendente, un po' come tutte le altre attivita' studentesche che sono autofinanziate.

Il risultato finale e' un giornale ad uscita mensile con una quantita' di contenuti paragonabile ad un Corriere della Sera, ed una qualita' ottima che per certi aspetti e' nettamente superiore a certi articoli che troviamo nei principali quotidiani nazionali italiani.

Gli articoli spaziano dalle news locali, con un particolare focus su quelle relative all'universita', a quelle nazionali fino a quelle internazionali  molto interessanti poiche' trattano di argomenti poco conosciuti e sono spesso scritte da studenti stranieri provenienti dal paese in questione.

Il giornale e' disponibile in una gran quantita' di copie in molti degli edifici universitari, insieme ad altri depliant di iniziative e un giornale in Cinese il cui contenuto mi e' ignoto.

Come si finanziano? Immagino con la pubblicita' che e' presente in una quantita' minima ma a quanto pare venduta a prezzi alti visti i nomi degli inserzionisti, a spesso c'e' qualche speciale semi pubblicitario come ad esempio "consigli su come arredare l'appartamento".

Nella mia universita' non ho mai visto niente di simile, in teoria un giornale avrebbe dovuto esserci, ma non so che fine abbia fatto e dove si possa trovare.
Ci sono pero' molte Universita' che ospitano radio create dagli studenti (naturalmente c' e' anche qui) se vi interessa le trovate elencate su questo sito: http://www.ustation.it/

4 commenti:

  1. Ma che bello, un piccolo vivaio di gornalisti della BBC! Collabori anche tu?

    RispondiElimina
  2. Ah! In tre anni e passa di Bristol (da PhD) non l'avevo mai sentito nominare! Ma dov'e' che lo danno?

    RispondiElimina
  3. @silvia: certo che no, odio scrivere in italiano (e si dovrebbe vedere dal blog) figurati in inglese!

    @sandro: più o meno in ogni edificio universitario all'entrata.Strano che tu non l'abbia mai visto. Io di solito lo prendo all'MVB.

    RispondiElimina
  4. Mhm, io sono in una sede staccata del dipartimento di matematica e qua sicuramente non c'e', mentre nel edificio principale di solito entro e esco da una porta laterale, quindi e' possibile che, se e' vicino all'ingresso principale, non l'abbia mai notato (decisamente non sono un buon osservatore!). La prossima volta che passo per il dipartimento comunque provo a vedere se lo trovo.

    RispondiElimina