11/28/2011

Occupy Bristol


Come saprete da qualche mese sono sorti un sacco di accampamenti di protesta contro i responsabili della crisi economica e gli attuali governi, prima negli Usa ( La famosa Occupy Wall Street per esempio), poi in Uk e nel resto del mondo.

Anche a Bristol é presente la protesta con un accampamento sul prato di College Green (Quello dove spesso si ritrovano i protagonisti di Skins, almeno nella prima stagione) insediatosi più di un mese fa.

La partecipazione é molto buona, ci saranno almeno 20 tende e non so quante persone, non sono passato a sentire cosa hanno intenzione di fare, ma penso di farlo in futuro, per sapere quali proposte hanno e quali sono i problemi maggiori in Uk.

Il "manifesto" presente sul sito é molto vago(e forse ingenuo) e all'acqua di rose, mi ricorda quello di certi gruppi italiani con poco contatto con la realtà, che fanno tanto casino ma non sono in grado di attirare gente.

L'accampamento é una forma di protesta molto tranquilla e pacifica, che non disturba quasi per niente la popolazione ma non so quanto sia efficace. Mi pare una forma di protesta molto usata nei paesi anglosassoni, basta pensare ai presidi davanti il parlamento inglese , al contrario delle grosse e frequenti manifestazioni italiane.

Il problema é che le proteste non danno molti risultati se nessuno é disposto ad ascoltare e/o le proposte non sono ben presentate.

11/24/2011

Come fare una quasi visita oculistica a 5£ e fare i salti mortali per comprare le lenti

Avete bisogno di comprare lenti a contatto in Uk?
Non avete la prescrizione?

Bene, siete fregati.

Da quel che ho visto qui in uk ci sono due grandi catene ottiche: Specsavers e Boots Opticians(che sono negozi separati dalle farmacie Boots ma spesso sono vicini)

Non conoscendo Specsavers, sono entrato nel primo che ho visto: Boots Opticians.
Alla richiesta della prescrizione ho detto che non ce l'avevo e ho chiesto se potevano vendermele lo stesso tanto non é mica un medicina. Naturalmente la risposta é stata no, ma mi hanno detto che potevo fare una visita in negozio per prenderle così Ho prenotato la visita per qualche giorno dopo(ahi!) e mi hanno dato un coupon per fare la visita a soli 5£ (dovrebbe costare 20£).

La visita si é rivelata molto più approfondita di quello che pensavo, é durata circa mezz'ora e ho fatto quasi tutto quello che faccio normalemente con un ottico italiano per una visita di routine e qualche test nuovo, alla fine mi hanno consegnato 4 paia di lenti di marche diverse per provarle e sono andato via.

Ora il problema é che non si può ancora comprare le lenti, bisogna prendere un'altro appuntamento, andarci con le lenti della marca che si vuole comprare indossate da almeno 2 ore, fare un'altra prova veloce, ordinare le lenti e ripassare 3-4 giorni dopo per comprarle.

Insomma complicatissimo, ma tra i plus c'è la visita che "spero" sia di alto livello a prezzi bassissimi, le lenti che sono meno care che in Italia, insomma alla fine  i pro sono molti.

Altre esperienze di questo tipo?Specsavers, negozi indipendenti?

11/18/2011

Misfits e telefilm inglesi


Conoscete serie tv inglesi(eccetto Doctor Who che tutti abbiamo sentito nominare)?

Beh io fino a qualche anno fa non ne conoscevo nemmeno una, ma adesso complice internet e il trasferimento in Inghilterra, ho una visione più ampia della situazione.
In Inghilterra si producono un sacco di serie tv, molte di più rispetto all'Italia, probabilmente per il fattore lingua ma non é detto.
Tra queste molte sono di qualità e trattano argomenti o hanno un taglio particolare che purtroppo in Italia ci sogniamo.

Tra le serie che preferisco c'é Misfits ,una telefilm su un gruppo di ragazzi finiti per vari motivi a dover lavorare per un periodo nei servizi sociali e durante un temporale ricevono dei superpoteri. Non é un telefilm di supereroi(per fortuna) , la serie segue le vicende di questi ragazzi durante la loro permanenza nel centro, tutte molto surreali e ironiche. Gli attori sono fantastici(e sono esordienti) e la serie é veramente divertente, non é una commedia né un drama, é una dramedy.



In Italia é stata trasmessa da FOX su Sky ma CONSIGLIO caldamente la visione in lingua originale che potete trovare un pò ovunque su internet sottotitolata in italiano.(Googlate: "misfits streaming ita") oppure potete pescarla dai torrenti e scaricare i sottotitoli da www.italiansubs.net .
Io dopo aver provato a guardarne una puntata senza sottotitoli in diretta streaming, sono passato a guardarlo in differita sul canale on demand gratuito di E4 con i sottotioli in inglese perché mi perdo troppe espressioni gergali che ancora non conosco

11/12/2011

Un pò di Cardiff, Wales

Malato e a casa mentre dovrei essere fuori a festeggiare, vi parlo un pò del viaggio a Cardiff, capitale del Galles, di qualche tempo fa.


Cardiff é una città di quasi 400.000 abitanti che si trova dall'altra parte del canale di Bristol, via autobus si raggiunge in un ora o giù di lì(non ricordo e poi dipende anche dalla strada che viene percorsa). Pur essendo la capitale del Galles non é una città tipicamente gallese, ma pazienza.

La città é molto moderna dato che si é sviluppata solo negli ultimi secoli con la scoperta di importanti miniere. E' però dotata di un grande castello costruito sopra un grosso avamposto romano, insomma l'area é abitata fin dall'antichità ma la gente vi é arrivata in gran quantità in epoca recente.
Il castello é molto bello da vedere e interessante, un pà vuoto all'interno ma é grosso. Il biglietto é tipo 12£ ma ci si può stare e l'audioguida é gratuita e si possono visitre i magnifici interni delle residenze.

Il centro di Cardiff é un centro standard con negozi, un mercato e alcune "Arcades" cioé gallerie commerciali. Nel centro ci sono alcuni edifici storici che racchiudono musei gratuiti: storia naturale, arte e del Galles. Altra attrazione il parco cittadino che si trova a ridosso del castello ed é molto carino.


Altra "attrazione" é lo stadio nazionale del Galles il "Millennium Stadium" dove gioca la nazionale di Rugby e quella di calcio, é uno stadio imponente e moderno da 75.000 posti, forse costruito un pò troppo a ridosso del centro.


La zona più moderna sulla baia con il famoso Wales Centre purtroppo non l'ho vista, magari ci ritornerò.
Il wales centre
Altre foto su Flickr!

11/09/2011

Cosa vedere a Londra Parte4: Brick Lane

E siamo arrivati al quarto capitolo, stavolta dedicato a Brick Lane , luogo che ho visitato per la prima volta quasi due settimane fa.

Di che si tratta? Brick Lane é la via principale del quartiere "storico" degli immigrati Bengalesi (dal Bangladesh, paesi accanto alla più famosa India), ma come Little Italy a NYC e altri quartieri etnici in altre città, di bengalese sono rimasti solo alcuni negozi (e per fortuna, visto che significa che si sono integrati meglio con la società londinese).

Nella prima parte si trovano negozi di vario tipo bengalesi ma anche indiani e medio-orientali, prevalentemente cibo ma anche altro.


Nella seconda metà in'inizia il complesso dell' Old Truman Brewery, un vecchio birrificio gigantesco riqualificato a mercato, spazio per eventi e fiere, locali etc, insomma di tutto. Ci sono almeno due mercati al coperto con street food proveniente da mezzo mondo, davvero un sacco di banchi, dove potrete assaggiare di tutto da tutti. (ho visto banchi di cibo indiano gestito da asiatici e viceversa e molto altro)
In più ci sono un sacco di locali e negozi d'antiquariato.

Di domenica, complici alcuni mercati domenicali che ci sono nella zona, c'era una folla pazzesca(compresi un sacco di dannati hipsters nella seconda metà), l'offerta può essere diversa negli altri giorni.

Si raggiunge facilmente dalla City che é molto vicina, ad esempio io sono arrivato dalla metro di Liverpool Street Station e sono ripartito con l'Overground di Shoreditch.
Girando nei dintorni si può trovare anche lo Spitafields Market un vecchio mercato rinnovato a metà tra mercato e centro commerciale.

11/08/2011

Halloween e Guy Fawkes Night in Inghilterra

Com'é Halloween in Inghilterra?
Boh, quasi come in Italia!

Nei negozi ci sono vetrine a tema(viste anche in italia), prodotti a tema già da un paio di settimane prima o anche di più, però niente di che.
Halloween quest'anno era lunedì e in Inghilterra il 1 novembre non é festa, quindi c'era molta più gente in giro il venerdì e il sabato sera rispetto a lunedì. Tutti naturalmente vestiti o quasi.
Non so se passano i bambini a chiedere "trick or treat" non ne ho visto nemmeno uno, forse é per questo che mi é sembrato normale(o forse é la globalizzazione)


Molto più interessante per quanto riguarda il folklore é stato il 5 Novembre o Guy Fawkes Night o Bonfire Night(probabilmente la conoscete per V per Vendetta) celebrato in Inghilterra per ricordare il fallito attentato del 1605 a opera di Guy Fawkes ed altri (la Congiura delle Polveri) che volevano far saltare in aria il parlamento(Quello vecchio) con il Re.

Da venerdì per 3 giorni di fila ci sono stati scoppi continui di fuochi di artificio più o meno dalle 6-7 alle 9 di sera. Purtroppo nessun spettacolo organizzato, i fuori erano lasciati ai privati, ma erano veramente tantissimi.
In molte zone della città hanno organizzato fuochi giganteschi dove bruciare i fantocci dei congiurati, alcune feste gratis altre a pagamento. Benivano serviti hot dog e vin brulé che a quanto pare é utilizzato anche in Uk ma chiamato Mulled Wine.

11/06/2011

Invasione Italiana

Wow é una settimana che non posto, settimana molto impegnativa, compreso oggi/ieri che era il 5 Novembre, giorno della congiura delle polveri di Guy Fawkes.

Ho un paio di post arretrati del mio ultimo viaggio a Londra dello scorso weekend ed ecco il primo:
Ambasciata italiana a Londra

Londra é piena di Italiani.

Domenica ero nella zona di Brick Lane e della city ed ogni 2 passi si sentiva parlare italiano. Ai differenza dello spagnolo o altre lingue, l'italiano é parlato praticamente solo da italiani, inoltre vi posso confermare che riconosco al volo francese e spagnolo e che ci sono anche stato attento, bene l'italiano si sentiva con una frequenza molto alta rispetto ai vicini spagnoli,francesi,tedeschi.

Non ero nemmeno in una zona tra le più banali turisticamente e ho notato la stessa cosa in South Kensington.
Vabbé statisticamente tutto questo non conta niente, ma penso sia innegabile che gli Italiani provino una certa attrazione per Londra che é aumentata a dismisura grazie ai voli low-cost.
Inoltre come si sa un sacco di gente va a Londra per imparare l'inglese, studiare e trovare fortuna, sono molti gli italiani che emigrano a Londra ogni anno sia per lavori qualificati che non attratti dalle migliori condizioni di lavoro, opportunità e dall'assenza di problemi di visto etc..
Questo non accade solo a Londra, dato che anche a Bristol ci sono molti italiani che lavorano e studiano(non quanti a Londra che é la meta regina in uk) e con l'aggravarsi della situazione economica italiana e europea, l'Inghilterra rimane una delle mete più ambite per via di lingua, opportunità e tutto il resto anche se pure qui la crisi ha creato molto problemi(complici i governi naturalmente).
Insomma mi sa che torneremo ad emigrare in gran quantità, non quanto in passato (spero proprio di no!) ma meno, dopotutto pare che dall'italia se ne vadano ogni anno 50.000 giovani(scusate ma non trovo la fonte) il che potrebbe sembrare molto, ma molti di essi se ne vanno per periodi limitati e quindi ritornano, chissà quanto crescerà questo dato.

Secondo l'AIRE gli italiani a Londra erano circa 38.000 nel 2001, ma l'AIRE tiene conto solo di chi vi é iscritto e sono convinto che solo una piccola parte lo sia, chissà quanti italiani vivono da più di 3 mesi nella capitale, qualcuno conosce una stima?E sto parlando di cittadini italiani nati in italia, non inglesi di origini italiane che sono molto di più.